Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica

Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica

Liceo Scientifico Vitruvio Pollione – Avezzano

Energia rinnovabile? Idem con patate! – Classe 5I

Negli ultimi anni, con l’affermarsi di una sempre maggiore coscienza ambientale, espressioni come “energie rinnovabili”, “sviluppo sostenibile” e “salvaguardia degli ecosistemi” sono entrate a far parte della nostra quotidianità.

Abbiamo imparato a conoscere diversi tipi di energia pulita: solare, eolica, geotermica, idrica… ma non finiscono qui: nel loro laboratorio, i ragazzi della classe 5I, coordinati dalla professoressa Paola Babbo, hanno stupito i visitatori proponendo un modo decisamente insolito per produrre energia elettrica in modo green. Come? Con le patate, naturalmente! Molti vegetali infatti, essendo ricchi di succo, possono comportarsi da ponti salini e funzionare come delle batterie: limoni, mele, arance e, ovviamente… patate.

Visitando il laboratorio, è possibile assistere alla realizzazione di un circuito alimentato da una “patabatteria” e scoprire tutto quello che serve per replicare l’esperimento a casa: il divertimento è assicurato!

Ma le potenzialità delle patate non finiscono qui: un altro interessantissimo aspetto che i ragazzi hanno illustrato è quello della produzione di carburanti a base di bioetanolo, ovvero l’alcol ottenuto dalla fermentazione di questi tuberi: si tratta di un’ottima alternativa ecologica ai carburanti tradizionali.

Il discorso è inserito nel contesto più ampio dell’Agenda 2030, in particolare del Goal 7, che si propone di garantire a tutti energia pulita e accessibile. Le batterie realizzate con le patate, infatti, potrebbero rappresentare una fonte di energia ecologica, a basso costo e relativamente di facile accesso per tutte quelle zone del mondo dove la qualità della vita è bassissima a causa della mancanza dell’elettricità; per la realizzazione dei circuiti si potrebbero usare, inoltre, le patate recuperate dagli scarti dei ristoranti o dei negozi contribuendo così a ridurre gli sprechi alimentari.

Nel complesso, il laboratorio del 5I riesce a divertire i più piccoli suscitando il loro interesse con l’esperimento pratico ed entusiasmante del circuito e con una presentazione simpatica e accattivante, e allo stesso tempo apre a riflessioni importanti sul tema dell’ecologia e sul futuro del nostro pianeta.

Alessia Bianchini e Angelica De Sanctis, 5I

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy. Le condizioni della privacy sono nel menu

https://www.lscientificoavezzano.it/privacy-policy-3/