Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica

Settimana della Cultura Scientifica e Tecnologica

Liceo Scientifico Vitruvio Pollione – Avezzano

Tutte

Gabriele Detti: intervista ad un campione – 3°O

I ragazzi del 3°O con il loro laboratorio hanno voluto condividere la loro esperienza giornalistica, consistente nell’intervista del grande campione olimpionico Gabriele Detti.

Inizialmente  è stato presentato il profilo generale dell’atleta attraverso un video montato dai ragazzi stessi, dal quale abbiamo appreso che Detti è nato a Livorno il 29 agosto 1994 e che è entrato in acqua, per la prima volta, alla tenera età di otto mesi, nella piscina dove lavoravano sia i genitori che suo zio Stefano Morini, il quale è tuttora il suo istruttore. Successivamente è stato presentato un excursus di tutte le vincite di questo campione: ad esempio nel 2016 ai giochi di Rio de Janeiro ha vinto sia nei 400m che nei 1500m stile libero una medaglia di bronzo, nei 1500 stile libero ha conquistato il secondo bronzo olimpico. Nel 2017, ai campionati mondiali di Budapest, Detti ha conquistato il suo primo oro mondiale vincendo la finale degli 800m stile libero. L’8 aprile 2014, nella finale degli 800m stile libero, durante i campionati mondiali di Riccione, ha stabilito il nuovo primato italiano ed europeo.

 Purtroppo a causa dell’emergenza covid non è stato possibile per loro incontrare l’atleta dal vivo, ma  comunque sono riusciti a parlare con lui in videochiamata online. Al nuotatore olimpionico sono state poste una serie di domande:

  1. Come è nata la sua passione per il nuoto e chi lo ha influenzato a praticare questo sport.
  2. A tale domanda il giovane atleta ha risposto che è sempre stata la sua passione e che, anche se ha vissuto degli alti e bassi, è contento delle scelte che ha fatto e che questo sport lo diverte ancora.
  3. Se è stato difficile conciliare studio e allenamento.
  4. In risposta a questa domanda il campione ha riferito che, purtroppo,  quando abitava a Livorno, i  suoi professori hanno fatto fatica a comprendere la sua situazione, ma dopo essersi trasferito ad Ostia ha trascorso i suoi ultimi due anni di superiori serenamente.
  5. Come si è sentito quando ha vinto l’oro a Budapest.
  6. L’atleta ha sottolineato che per lui tutte le gare sono state importanti, però salire sul podio di Budapest, dove ha avuto la possibilità di rappresentare il proprio paese, è stato emozionante, in quel momento ha rivissuto tutti i momenti della sua carriera sportiva, sin da quando è entrato in acqua per la prima volta.
  7. È sempre stato il suo obiettivo quello di partecipare alle Olimpiadi.
  8. Lo sportivo ha ammesso che  è sempre stato il suo sogno ed è stato fiero di poter rappresentare l’Italia, inoltre da quando finalmente ha raggiunto i suoi obiettivi adesso lavora per migliorare le proprie capacità.
  9. Prima di gareggiare fa qualche rito scaramantico o ascolta della musica, e se si, che genere di musica ascolta.
  10. Il ragazzo ha dichiarato che non fa nessun tipo di rito scaramantico, o almeno non ci fa caso, che gli piace la musica rock, ma preferisce parlare con gli altri avversari per stemperare la situazione prima di gareggiare.
  11. Che ruolo ha giocato il centro sportivo dell’esercito durante la sua carriera.
  12. Gabriele ha ammesso che è stato importante per lui entrare nel centro sportivo dell’esercito, dove lo hanno sempre aiutato e sono stati disponibili per tutto, anche quando ha subito degli infortuni sono stati i primi ad offrire dei tutor, per lui è quindi fondamentale tenere alto il nome dell’esercito.
  13. Giornata tipo e regime alimentare della sua prestazione.
  14. La sua giornata tipo è molto semplice: colazione, allenamento, pranzo, allenamento, cena. Inoltre Detti ha confidato che l’alimentazione e l’allenamento sono fondamentali, ma è anche grazie all’ausilio di alcuni specialisti, come il fisioterapista, il preparatore atletico, il mental coach e il nutrizionista che permettono all’atleta di mantenere per anni un alto livello.
  15. Com’è stato riprendere gli allenamenti dopo il lockdown e quali difficoltà ha riscontrato.
  16. Il giovane atleta ha raccontato che, dopo il decreto che ha disposto la chiusura di tutte le attività sportive, ha fatto tutti gli allenamenti a secco per poter mantenere un minimo di intensità, poiché il nuoto richiede un allenamento costante e non permette pause di lunghi periodi.  Ricominciare quindi è stato complicato, ma la voglia di gareggiare è stata così grande da motivarlo. Ora la sua speranza è quella di poter partecipare alle prossime Olimpiadi, non appena verrà confermato l’evento.

Ringraziamo vivamente i ragazzi del 3°O per aver condiviso con noi questa esperienza, l’intervista con un campione del suo calibro, che si è rivelato  una persona speciale capace di trasmettere un grande entusiasmo e amore per lo sport.

Maria Mosca e Carlotta D’Agostino 5°B

Darwin salvato da una foto – Classe 4°D

Ed è arrivato anche l’ultimo giorno di questa particolare ma intensa settimana scientifica… Per questo abbiamo deciso di visitare il laboratorio “Darwin salvato da una foto” del 4D: il titolo, sin da subito, ci ha suscitato grande curiosità.

Appena entrate nel laboratorio, i ragazzi ci hanno ben accolte illustrando in breve di cosa trattasse il loro progetto ma tenendoci sulle spine alimentando il nostro interesse.

I ragazzi sono partiti da alcuni taccuini di Darwin rubati dall’università di Oxford, i quali però, erano stati scannerizzati (per questo il titolo “Darwin salvato da una foto”); pertanto hanno voluto ricostruire le tappe fondamentali del viaggio di Darwin in Sud America e, la formulazione della teoria dell’evoluzione. Per essere ancor più chiari, hanno inserito, tra una spiegazione e l’altra, parti del film “Creation”.

Però non si sono limitati ad una semplice presentazione, in quanto hanno creato anche un simpatico quiz su Darwin, per cercare di interagire maggiormente con gli spettatori.

Tutti i ragazzi si sono mostrati gentili e disponibili, insieme al loro professore…Sicuramente è un laboratorio che merita di essere visto!

 Alessia Babbo e Comfort Di Genova, 4B

Un viaggio oltre I confini: i mille volti di Leonardo Da Vinci

Chi sarà oggi il protagonista della nuova avventura?

Comincia il nostro viaggio, tappa dopo tappa cercheremo di scoprire cos c’è di nuovo, di interessante, legato a mille misteri. Andremo a caccia di risposte.

‘’Partiamo da Vinci!’’ affermano i ragazzi della casse 4H. Questo nome ti suona forse familiare?

Credo proprio di sì. Parlo esattamente di lui: Leonardo da Vinci, scrittore, scultore, inventore e pittore. Il grande genio ci accompagnerà in questa nuova impresa piena di sfide ed imprevisti.  

‘’Un viaggio oltre i confini del tempo’’ è l’impavido obiettivo dell’escape room, una battaglia contro l’inesorabile scorrere degli anni, contro la pigrizia di chi cerca di dimenticare il passato. L’uomo è arte, e quest’ultima è parte del suo vissuto e della sua quotidianità. Per questo non dev’essere ignorata, è preziosa, è vita, è ieri, oggi e domani.

Viaggiando nella stanza virtuale migliaia di immagini mi scorrono davanti. Come può una sola persona aver generato così tanta bellezza?

La sua mente, i suoi occhi, le sue mani: Leonardo era nato per plasmare arte, per concepire incanto.

Quante sue opere possiedono fama mondiale? Ma chi ne conosce realmente il senso, il significato e la storia?

Ciò ha spinto la classe 4H a voler raccontare Da Vinci e i suoi mille volti, a volerne narrare il talento e i molteplici misteri che lo avvolgono, in maniera però tutt’altro che banale o addirittura noiosa.

 In un periodo in cui il mondo virtuale rappresenta l’unica via di fuga, ci viene concessa la possibilità di sfuggire al triste presente , anche se per pochi istanti, e di tuffarci senza preoccupazioni all’interno delle opere più importanti del genio quattrocentesco.

Sembra quasi di viverci dentro, di assistere al momento della loro creazione.

E tu non sei curioso di vivere questa magica esperienza? Leonardo ti aspetta!

Visita il laboratorio ‘’Un viaggio oltre i confini: i mille volti di Leonardo’’, la classe 4H ti mostrerà la magia della sua arte.

Che esperienza emozionante..!                                                                                                  

     Giulia Calisse e Margherita Scalisi, 4H ?

Noi non ci saremo, se… – Classe 5°S

Tutti noi sappiamo che il cambiamento ambientale e l’impatto climatico sono argomenti di estrema importanza, ma ci siamo mai chiesti quali sono effettivamente i diversi comportamenti che hanno un impatto negativo sul nostro ambiente?

I ragazzi del 5S ci mostrano nel dettaglio tutto ciò che è effettivamente dannoso, sia a livello ambientale, sia per quanto riguarda la nostra persona, perché essere a conoscenza delle effettive informazioni crea in noi una diversa consapevolezza e ci permette di sentirci più responsabili; vi siete infatti mai soffermati a pensare a come le nostre azioni si ripercuotono su noi stessi?

Apparentemente, come viene spiegato, anche le azioni più innocue hanno un impatto di estrema importanza sull’ambiente ma anche sulla nostra salute.

Non abbiate paura perché il 5S non si limita ad elencare solamente i comportamenti sbagliati, ma si propone di garantire soluzioni possibili e facilmente realizzabili per eliminare l’inquinamento ambientale.

Punto principale del laboratorio è l’importanza del riciclo, che permette di ridurre il consumo di materie prime, l’utilizzo di energie e l’emissione di gas serra; la cosa affascinante è che su questo argomento viene presentato un aspetto molto particolare e mai realmente dibattuto: la separazione magnetica dei rifiuti, che ci permette di recuperare i materiali ferrosi.

E’ interessante la possibilità di osservare in diretta esperimenti collegati a ciò che viene spiegato come, ad esempio, il motore elettrico.

Volete sapere di più di questo incredibile mondo? Allora visitate questo laboratorio, non ve ne pentirete.

     Raschiatore Antonella 4H 

A note to our visitors

This website has updated its privacy policy in compliance with changes to European Union data protection law, for all members globally. We’ve also updated our Privacy Policy to give you more information about your rights and responsibilities with respect to your privacy and personal information. Please read this to review the updates about which cookies we use and what information we collect on our site. By continuing to use this site, you are agreeing to our updated privacy policy. Le condizioni della privacy sono nel menu

https://www.lscientificoavezzano.it/privacy-policy-3/